Indice 2011 - 2015  

Indice generale sito 2007 - 0011

Le foto piu' vecchie

Videoteca I

Videoteca II

  Foto di gruppi

Pagine monografiche

Visione Alberico

Settefratesi Ellis Island

Storia del Marsella

Storia del Lauri

Vocabolario dialetto

Le Feste di Canneto

Poesie, racconti, riflessioni

Pagine di storia

Ricerca per parole chiave

Chiudi ricerca

post truth

Domenica 13 novembre 2016.
A Canneto, al Santuario Basilica Pontificia, si Chiude la Porta Santa, si chiude il Giubileo della Misericordia, voluto da Papa Francesco.
 
Video della cerimonia di Chiusura della Porta Santa alla Basilica Santuario di Canneto
Molte novita' sono, come dire? .. di difficile, lenta comprensione... a Canneto... che e' nei nostri cuori... non dobbiamo cercarla altrove... due grandi Papi... San Giovanni Paolo II e Farncesco hanno voluto dare privilegi ed amore. L'Uno visitando, sebbene in incognito i nostri Amatissimi Monti, l'Altro elevando la Casa della nostra Madonna, cioe' del Paradiso di Dio e nostro, cioe' della Gran Madre di Dio, al titolo di Basilica Pontificia, Altissima Dignita'. Ed in quanto Basilica Pontificia alla Nostra Chiesa, alla nostra Casa di Canneto, vi e' una Porta Santa, che e' Cristo, " Io sono la Porta delle Pecore", che si apre con l'inizio degli anni Giubilari e che si chiude con la chiusura degli stessi. Gli anni del Perdono, dell'Amore, di quell'Amore Inestinguinile il Cui Nome e' per noi Gesu',  il Cristo, il Figlio di Maria.  Una Cui immagine, di Gesu' Crocifisso,  presiede gli spazi sempre piu' belli della Chiesa, del quale di seguito diamo tre foto. Dio e' grande, Dio e' Buono, Dio perdona sempre, Dio abita questi Nostri Monti. Lei, Maria Regina,  ha Scelto a Dimora il nostro Bosco, il Nostro Prato, sia   Bendetta da Tutti in Eterno.
16 novembre 2016


La prima neve... l'inverno si avvicina. 9-11-2016

Angeli del fango

Alluvione di Firenze - Cinquanta anni orsono....

 5-11-2016

 
     
 
 
  Autunno

Il verde degli alberi vira verso il giallo, poi seguiranno tinte piu' calde, ma si vedono gia' dei rossi incredibili. Anche le immagini piu' familiari si trasfigurano in una luce purissima che mette in risalto ed armonizza cieli, montagne, alberi ed edifici, pervadendo le nostre anime. 25 ottobre 2016
 
     
 
 
 

La faccia del corridore...

Sembrerebbe, quella che segue, una favola di Fedro o di Esopo, ma non lo e'.  Al paese nostro se ne cita solo la parte finale che recita: “ non hai la faccia del corridore” , o, in dialetto “ n' tie' la faccia da querredore.. “. La favola in Italiano:

Al bordo di un campo arato si ritrovano un rospo ed una lepre. Il rospo dice alla lepre : Io sono piu' veloce di te, e te lo dimostro, arrivero' primo alla fine di questo solco. La lepre di rimando: tu sei pazzo , si sa che io sia molto veloce e che tu sei lento come... come un rospo. Lo sfidante insiste: proviamo solo una volta. Provano. Vince il rospo e la lepre e' incredula, o come si diceva, esterrefatta,  e propone una seconda “manche” … e... nonostante la maggior velocita' della lepre rispetto alla prima “manche” di nuovo il rospo vince. La lepre incredula ripropone un'altra sfida. Stavolta essa parte come una Mercedes di Formula Uno.... batte il suo record personale, ma... il rospo e' arrivato primo ancora una volta e tratta la lepre con sufficienza, spocchioso: “Che ti avevo detto? Io sono piu' veloce di te, come volevasi dimostrare”. La lepre replica: “E' vero che mi hai battuta tre volte, pero' ….. non hai la faccia del corridore”. Era successo che il rospo aveva un compare dall'altra parte del campo per cui la corsa era truccata..... ma la lepre non lo sapeva, e pur ammettendo la sconfitta non era convinta perche' il rospo non aveva la faccia del corridore... cioe' era e rimaneva un animale lento, … non era un corridore. Bella vero? . Direi bellissima. Applicabile in tutti quei casi in cui le prove di una qualsisai asserzione non convincono. Conoscete qualcuno che non ha la faccia del corridore? … Io ne conosco tonnellate e tonnellate... si riconoscono facilmente i non corridori perche' dicono spesso: io lo avevo detto, oppure.... se non fossi stato io..... oppure …. . Ma non hanno la faccia dei corridori.

A proposito di detti popolari nostri, detti  che risolvono  definitivamente una situazione con un' ironia che non da spazio a repliche, ve ne proponiamo alcuni suggeriti dall'amico Domenico Rustici, che e' un cultore del nostro dialetto e della nostre tradizioni popolari. I  detti popolari settefratesi sono numerosi, ma vanno  disperdendosi, e, come tante altre cose,  non reggeranno  a lungo nonostante un generale esiderio di salvare il salvabile


  1. Ognune all'arte sea , glie lupe alle peccuera...

  2. Gle suolde degl'avare se glie magna glie sciampagnuol...

  3. Attacca gli'uossene addo' vo' glie patrone..

  4. Scionna paglia pe ciente cavieglie..

  5. A chi tocca s'arroscia.

  6. E' scite fore 'le semenate

  7. A sessant'ienne ce vo' glie muoglie n'cape...

  8. E' date glie cure alla preta.

  9. N'ce serve glie zippe agl'uove.

  10. Nen conta i n'accusa...

  11. E' comme a lava la testa agl'uossene

  12. A te figlia le diche, e tu nora le 'ntienne..

    Omettiamo le traduzioni, essendo i detti predetti comprensibili nella lettera e nel significato. Continueremo a pubblicarne altri.

    NB. La e italica e' muta o semimuta. 14-10-2016

 
 

Arte, storia, cultura, vita a Londra
I fregi del Partenone, la Stele di Rosetta, il manoscritto della Magna Carta, la Tomba di Newton, le stanze dalle quali Churchill diresse la guerra, molti preziosi dipinti - Raffaello, Tiziano , Rubens , Renoir, Degas , Van GHogh - ... una citta' piena di vita, piena di giovani allegri e dignitosi... tutto cio' e Londra ... certamente una delle citta' piu' belle del mondo  3 ottobre 2016

Giubileo dei malati alla Basilica Pontificia di Canneto
Domenica 18 settembre, a Messa a Canneto, per ritrovarmi ... alla Basilica Pontificia, con tanto di Porta Santa, con tantissimi malati , molti con le loro carrozzelle, aiutati da tanti volontari, nuovi Cirenei che fanno ben sperare nella ... sopravvivenza del mondo. L'omelia del Vescovo diocesano mette in gran rilievo quanto il mondo della sofferenza sia certissimamente il mondo del Signore. Il segno della Salvezza per tutti gli uomini e'  la Croce, non ve n'e' altri, lo strumento di tortura e di morte dei Romani, che accettato da Gesu' diviene strumento di liberazione e di salvezza, per tutti e per sempre . Completo nella mia carne quello che manca alla Passione di Cristo, cosi' ci dice l'Apostolo dei Gentili; se ascoltiamo i sussurri della nostra anima avvertiamo che il dolore nostro, che tutti ne abbiamo, che tutti ne abbiamo avuto e ne avremo, si aggiunge al dolore, alle sofferenza dio Cristo per la liberazione non solo degli uomini ma anche di tutto il resto del Creato. 22 settembre 2016

    Visita all'isola di Ponza
Partenza da Formia,  poco piu' di un'ora di navigazione, arrivo alle 10 e ripartenza alle 16.  L'isola e' molto bella, sia dal punto di vista naturtalistico sia dal punto di vista architettonico , con abitazioni ed edifici in genere di  colore chiaro con prevalenza del bianco, il che'  evoca un poco i paesaggi greci. Tutto ispira tranquillita', pace. Un silenzio dolce fa da background al paese, ai colli, ai villaggi abbarbicati un po' dappertutto, su tutta la piccola isola. Vale la pena di andarci... uno dei tanti one day trips possibili da Settefrati.

22 settembre 2016




Il Castello di Balsorano

22 settembre 2016
Moleskine 5  - Superstizioni : Biologico, OGM, ambientalismo 15 settembre 2016.



Roma - Visita ai Fori Imperiali

(IN PROGRESS)

13 settembre 2016


In visita al Museo Galleria Borghese di Roma

2 settembre 2016



Moleskine 4  

La festa e' stata bella. ma il paese e' a pezzi,  massacrato da esibizionismi e faziosita' cui nessuno tenta di porre un freno.1 settembre 2016.

Ottavario - Vespri

Il Salmo 122 , uno dei piu' belli , la cui eco ci accompagnera' durante tutto l'anno.
Belle auto (anni'60 e '70) in Piazza - 4 settembre 2016


29 Agosto
Ottava di Canneto

30 agosto 2016

Magnalonga 2016- XVI Edizione
Grande affluenza , cibo ottimo, 4 orchestrine. Evento ormai ben inserito nelle feste d'Agosto
28-8-2016
Raduno di auto e moto d'epoca.
Alcuni veri gioielli dal passato a ricordarci gli anni andati e a dirci che il bello, quello vero, puo' essere creato anche dalle industrie.
28-8-2016
A messa e poi l'aperitivo con gli amici.
L'Ultima domenica d'Agosto fra il 22 e il 29, con la Madonna nel suo trono. Riscopriamo l'altare della Madonna del Rosario.. 28-8-2016

Manifesto della Festa di Canneto 2016



22 Agosto 2016

Foto di Mario Fantozzi
Grazie Mario

24 Agosto 2016


22 Agosto 2016
La grande processione del rientro della Madonna
24 Agosto 2016

Il 22 Agosto, con il rientro della Madonna da Canneto, si raggiunge l'apice della nostra spiritualita', della nostra cultura, oserei dire del nostro essere settefratesi. La cerimonia del rientro dura alcune ore dacche' alcuni anni fa fu deciso coraggiosamente di ripristinare la processione da Canneto a Settefrati a piedi, come avevano fatto i nostri padri, rimuovendo l'errore, che tale fu, di adottare un mezzo motorizzato, in ossequio ad una modernita' che, nel caso specifico, era del tutto fuori luogo. Che della processione a piedi fossero contenti i pellegrini di Canneto era parso evidente sin dal 2007 l'anno del ripristino, ma quest'anno l'adesione di popolo e' stata grande, commovente, meravigliosa: un innumero stuolo convocato dalla Potenza dell'Eterno a lode della piu' bella delle Creature, perche' il Creatore non disdegno' di farsi suo fattura, come canta San Bernardo per bocca di Dante.  Uno dei momenti piu' profondi, piu' densi di significato, arcano, e' stato come tante altre volte fu per me, ascoltare una marcia dalla banda sopra il Cimitero(quest'anno di Conversano, antica amica di Settefrati) , al buio, poco prima dell'ingresso a Santa Maria delle Grazie: l'universalita' della Chiesa presente all'evento mariano per la vicinanza dei nostri morti, un anticipo della gioia dell'incontro con i nostri cari ... in un giorno beato.... un giorno che verra'.....un giorno che l'Ancilla Domini rende sperabile, rende sicuro, come dal suo sorriso al quale si chinano le stelle. Il largario della Sbota gremito come sempre, ma come non mai...... la Festa e' in crescita....  il sermone del Vescovo,  e poi la parola alla Banda ed ai Fuochi: Bentornata Madre Santa al paese che hai eletto a dimora, non saremo mai degni di averti con noi tutto l'anno, ma ci proveremo con gioia e tu accompagnerai la nostra vita con la tua protezione, con le tue grazie,  soprattutto con la tua presenza.  E questi fuochi che sono belli non solo  in quanto tecnicamente belli ma perche' accesi per Te e per il Tuo Figlio, sono voluti per Te dai Settefratesi, ed i nostri fratelli pellegrini si lasciano contagiare dai nostri modi di onorarti, in questa sera quando l'eternita' ed il tempo si fondono, quando il Cielo e la Terra si incontrano. Bentornata, Benvenuta di nuovo fra noi Madre Benedetta,  nella tua Nazaret.... Tutto perfetto. Tutto perfetto e reso piu' umano da un vento che ha provocato un incendio di sterpaglie, quasi simpatico, che vorremmo poter vedere, ma solo intravediamo come uno tributo delle ginestre a Maria; ancora simpatico il fatto che il distacco di alcuni pannelli di copertura del palco, causato dal vento, ha reso quest'ultimo inagibile ed alcuni brani musicali sono stati suonati con la banda seduta su sedie poste a terra: vi diremo che alla Piazzetta di Capri o al Caffe' Florian di Venezia o al Pantheon di Roma non vedrete mai niente di cosi artistico ed umano, cosi' puro, come tutti i volti dei presenti, artisti compresi, dicevano, commossi..  " Il pianto dei figli "  era un pianto di gioia, ed il cuore si appaga e come un bimbo si affida sicuro alla Mamma noi questa sera abbiamo rinnovato la Certezza che Colui che ci ha donato Maria e' infinitamente buono ed amico, conosce le nostre debolezze e ci ama incondizionatamente ed infinitamente: siamo una sua preziosa proprieta' inalienabile.
24 agosto 2016



18 Agosto 2016


Bellissime Foto di Mario Fantozzi
Grazie Mario

20 Agosto 2016


18 Agosto 2016
La Madonna parte per Canneto.


18 Agosto 2016 - Mentre pubblichiamo  - sono le 10:40 -   la processione e' ancora per strada, fra La Rocca e Canneto.

14 Agosto 2016

Con la solenne , tradizionale cerimonia,  in un'aura di canti antichi, familiari, arcani viene esposta la dolcissima immagine della Madonna di Canneto. Molta commozione nei numerosissimi presenti che formano una famiglia, certo ancora con le ombre della natura decaduta, ma certamente  ancora Famiglia di Dio nella tenerezza della Gran Madre di Dio Maria Santissima. A fine cerimonia una piacevole sorpresa: la Chiesa di Santo Stefano si arricchisce di una pregevole tela, opera dell'artista Sacchi, lo stesso che pochi anni orsono realizzo' lo stupendo quadro della Pastorella e che realizzera' diversi affreschi a Montecassino, negli spazi che furono di Luca Giordano e che Pietro Annigoni non riusci a completare.  Don Antonio Molle, che ha voluto l'opera la cui collocazione definitiva sara'  nella Cappella del Battistero, non finisce di stupirci con tante iniziative, sia a Settefrati che a Canneto.... e per il Santuario attendiamo una enorme sorpresa..... Il quadro che presentiamo e' stato benedetto e presentato ai devoti della Madonna alla fine della cerimonia del 14 Agosto, dopo il Magniificat e prima del canto della Viva Maria. Il Volto di Gesu' e' di una dolcezza ineffabile, ed emana pace. Il Battesimo di Gesu' e' un grande Mistero dai tanti significati; Gesu' anche in questo caso ci da' l'esempio, ci precede, ci insegna, ci invita a seguire le sue orme. Il Battesimo di Gesu' battezza, se e' lecito dirlo il Battesimo, battezza le acque ed istituisce il grande Sacramento per il quale siamo salvi. Quel Battesimo che nella forma del Battesimo di Desiderio, accomuna tutte le Creature, che al di la delle nebbie e dei rumori non possono non amare e desiderare il Creatore Eterno,   e che da un senso universale alla Missione salvifica di Gesu' il Cristo. Una grande speranza, ed una certezza che e' gia dentro di noi, ben protetta in un recesso della nostra anima: la dolcezza del Volto Santo reca un messaggio liberatorio e salvifico, che e' Acqua che sgorga dalla sorgente divina della Misericordia Incondizionata ed Illimite, sia per il Creato nella sua indivisibile Unita' che per ogni singola Creatura. Auguriamo a questa tela di offrire la Dolcezza del Volto Santo di Gesu' ai Cristiani di Settefrati per molti secoli.
 15 Agosto 2016
     
22 Agosto 2015 - il Cardinale Giuseppe Bertello consacra l'altare del Santuario di Canneto.
Foto di Mario Fantozzi. Grazie Mario
10 luglio 2016
Car show pics

Foto da Antonio Vitti Sr da Stamford, CT
18 luglio 2016

 

2 giugno 1946 – 2 giugno 2016

La Repubblica Italiana compie 70 anni

5 giugno 2016

5 giugno 2016

Ricordato Annino Marchelletta, ucciso dai tedeschi il 27 maggio 1944

 7 giugno 2016

12 giugno 2016
Festa di Sant'Antonio



13 giugno 201

 
15  maggio 2016
Una visita a Canneto

16 maggio 2016

Festa di San Michele Arcangelo a Pietrafitta

Foto di Mario Fantozzi - Grazie Mario

18 maggio 2016

29 Maggio 2016 - Processione del Corpus Domini

29 maggio 2016.


MOLESKINE 3
-Concimi, agricoltura, abbandono dei terreni e disoccupazione

MOLESKINE 2
-Giovanni 21, 5-12 
-Mozart ha catturato l'Armonia dell'Universo.... Albert Einstein

MOLESKINE 1
-Borges:citazioni varie   
-«Egli [Il Padre] ci ha scelti in Cristo prima della fondazione del mondo», Ef 1, 4




Quadri dilettanteschi nel mio appartamento in Florida.
2 maggio 2016

In giro, qua e la ....

....  il Bello Arte creato dall'Uomo docile all'ispirazione o dalla Natura custodita dall'Uomo
13 aprile 2016
   
   

Riproponiamo tutte le pagine pubblicate da questo sito su:

Frate Alberico da Settefrati e la sua Visione

 Dedicato alla memoria di Roberto Piselli, che amava Settefrati e che aveva studiato amorevolmente la Visione di Frate Alberico.

8 febbraio 2016


Riproponiamo un documento, imperfetto finche' si vuole (non siamo di quelli che capiscono a sanno fare tutto, non siamo autoreferenziali), ma che commuove e fa riflettere. I giovani e giovanissimi sappiano e riflettano: il nostro popolo deve ringraziare l'America, ma la ferita aperta dalla emigrazione,  che fu dirompente, e' ancora aperta. 

Elenco degli emigrati settefratesi negli Usa dal 1892 al 1924

 

Una interessantissima copia di una pagina del manifesto di bordo della nave Champaigne, salpata a Le Havre il 19 settembre  1903 arrivata a New York il 29 settembre; numerosi viaggiatori settefratesi. Notare a quanto ammontasse il denaro dichiarato (10-20-30 dollari) e le destinazioni fina

 


L'elenco e' di 1.099 nomi; chiaramente non sara' esaustivo ma da' un'idea della consistenza del flusso migratorio, che fu certamente liberatorio rispetto alla miseria che c'era nel nostro paese, ma fu anche foriero di un dolore che ancora oggi non si placa, nonostante il progresso, nonostante l'abbondanza di beni, i livelli di scolarizzazione, di alimentazione, sanita' e quant'altro. Soprattutto i vicoli spopolati del paese ci rammentano che l'emigrazione porto' dolore oltre che liberta' e benessere generalizzato, quest'ultimo anche per via del progresso scientifico e quindi tecnologico. Inutile forse dire che piu' di mille viaggi di settefratesi in 31 anni sono tanti e che e' un po' commovente scorrere i nomi e ricordare... forse al 95% o piu' le persone in elenco sono morte e i piu' sono sepolti negli Stati Uniti in tanti cimiteri , da Brooklyn  al Bronx, da  Stamford a Bridgeport , da Farrel  a Pittsburgh, da Yonkers a  Greenwhich, da Detroit a Long Island. Speriamo che con internet sia favorito il ricordo di tutti i nostri emigrati e che cresca a Settefrati un sentimento di amore verso la terra dei sognatori audaci di tutto il mondo, la terra terra generosa che, anche se a volte per percorsi impervi,  ha dato la possibilita' a tantissimi di affrancarsi dal bisogno. Speriamo ancora che la esplosione delle comunicazioni renda possibile che il piccolo povero borgo montano che si chiama Settefrati, che e' stato fino ad un certo momento forse piu' amato da fuori che da dentro, resti nella memoria dei giovani che portano i nostri nomi e che, ne sono sicuro, ameranno le proprie origini se saranno loro proposte buone occasioni di conoscenza e di ricordo. Voglio dire di sperare che a Settefrati cresca l'amore per gli Stati Uniti e nei giovani nostri e cittadini USA sia ravvivato il ricordo e l'affetto per Settefrati. Perche' Settefrati e' degno di amore e gli Stati Uniti sono degni di amore . Prima pubblicazione 4 maggio 2006; 

Indimenticato amico Zaza'

 

 

 

Indimenticabile  18 Agosto 2007

822,615 visite al 31 luglio 2013

927,699 visite al 31 luglio 2016

http://extremetracking.com/open?login=7frati&rli=1471662442
riflessioni su temi religiosi   raccontini